Villaggi Marche, abbiamo selezionato dei villaggi nelle Marche per le vostre vacanze
Villaggi Marche
Sei in: 

Marche » Il Museo della Cripta e le sue mummie

Il Museo della Cripta e le sue mummie

Monsampolo del Tronto e il suo Museo della Cripta

Com’è avvenuta la scoperta nella cripta e quali mummie sono state trovate

Turisti ed autoctoni appassionati di mummie, antropologia e storia del costume, possono soddisfare la loro curiosità recandosi a Monsampolo del Tronto presso il Museo della Cripta, dove potranno ammirare corpi mummificati molto ben conservati: tanto affascinanti quanto rari per le loro caratteristiche. Nonostante la scoperta delle mummie in terra nostrana risalga a dieci anni fa, il museo dedicato ai ritrovamenti è stato aperto soltanto a Giugno del 2013 per poter permettere ai ricercatori ed esperti di effettuare i dovuti studi e le necessarie opere di restauro, concentratesi prevalentemente sugli abiti che indossavano i defunti. La cripta ha suscitato moltissimo interesse non solo da parte degli studiosi ma anche dei mass media, tra i quali il popolare programma televisivo di Italia1 “Mistero”. La storia del rinvenimento dei reperti ha avuto inizio come la maggior parte delle scoperte più sensazionali, ovvero per caso. Durante i lavori di ristrutturazione della Chiesa di Maria SS. Assunta, danneggiata dal sisma del 1997 di Umbria e Marche, un gruppo di archeologi, esplorando la cripta del santuario, ha individuato un sistema di fosse granarie risalenti all’epoca medievale. A prima vista le fosse risultavano parzialmente distrutte a causa dei lavori di costruzione della cripta stessa e di quattro ossari mentre dalle tracce presenti era deducibile che i corpi custoditi all’interno di questi ultimi fossero stati spostati all’interno della “Cappella della buona morte” e sigillati tramite una struttura muraria. Soltanto l’abbattimento del muro ha permesso di ritrovare non solo gli scheletri ma anche ben 20 mummie. La magnificenza della scoperta sta nel fatto che i corpi appartenessero a contadini e gente comune e non a individui legati alla nobiltà o di ceto sociale elevato (basti pensare alle mummie egizie di faraoni e regine, alle mummie della vicina Urbania appartenenti ad esponenti della chiesa o alle mummie della Cripta dei Cappuccini di Palermo in cui sono custoditi in prevalenza i corpi di nobili e defunti dell’alta borghesia). Questo avvenimento ha offerto la rara possibilità di studiare alcuni aspetti della vita quotidiana del ceto medio/basso nel Medioevo: cosa mangiavano i “poveri”, come si vestivano, a quali patologie erano più soggetti e quali erano le cause di morte più comuni. Il merito del ritrovamento, oltre agli archeologi, va anche alle particolari condizioni microclimatiche che hanno favorito l’innesco del processo di mummificazione naturale per diciannove mummie. La ventesima, invece, è una cosiddetta “mummia antropogenica” e cioè un corpo che ha subito un processo di mummificazione artificiale: visitate il museo e mettete alla prova il vostro intuito per cercare di capire quale sia.

Viaggio alla scoperta dell’antropologia e della storia del costume

A dieci anni dal ritrovamento sono ancora in corso sulle mummie di Monsampolo le indagini di carattere antropologico e molecolare da parte degli studiosi ed esperti, tra i quali spicca il nome del grande mummiologo italiano Franco Ugo Rollo. Il professore, supportato da un team di ricercatori, ha delineato le caratteristiche basilari dei corpi, individuandone il sesso, l’età al momento della morte, la statura e la presenza di eventuali deformazioni patologiche. Per quanto riguarda invece l’aspetto molecolare dello studio, sono ancora in corso le ricerche aventi lo scopo di individuare l’etnia di origine ed eventuali discendenze. Per chi all’aspetto antropologico preferisse approfondire il tema più leggero legato all’abbigliamento dell’epoca, sappia che grazie alla storica del costume Thessy Schoenholzer Nichols, potrà ammirare alcuni degli abiti ritrovati nella loro versione restaurata. È doveroso sottolineare quanto sia raro trovarsi di fronte ad un’esposizione di capi indossati dalla popolazione contadina in quanto, per la scarsa qualità dei tessuti utilizzati per realizzarli, normalmente questi si polverizzavano dopo pochi secoli, a differenza delle stoffe pregiate come lana e seta indossate esclusivamente dalla nobiltà. All’interno del Museo della Cripta troverete la spiegazione minuziosa di come gli abiti siano stati restaurati e salvati dal degrado. Inoltre, avrete la possibilità di ammirare piccoli monili, merletti e persino bottoni e monete tipici dell’epoca, poiché anche se di umili origini, i defunti sono stati seppelliti con i loro abiti migliori.

Orari: 18-31 agosto 2014, ven.sab.dom. 17:30-20:30
Aperture serali 21:00 - 23:00 nei giorni 14-15-16-17 del mese di Agosto 2014
Info e visite anche fuori orario e su prenotazione tel. 393.9787891

Link utili: Monumenti del comune di Monsampolo del Tronto

 
iscriviti per
ricevere le
offerte Marche

Informativa per il servizio newsletter offerto da questo sito

I Titolari del trattamento dei dati forniti dall'interessato per l'iscrizione al servizio newsletter con contenuto commerciale, HELLO VACANZE S.r.l. con sede in Via Andrea Costa, 2 - 63822 Porto San Giorgio (FM) e SVILUPPO TURISMO ITALIA S.r.l. unipersonale con sede in Via Andrea Costa, 2 - 63822 Porto San Giorgio (FM) forniscono le seguenti informazioni circa il trattamento di tali dati.
Ai sensi dell'art 13 del D.Lgs. 30 giugno 2003, n.196 – Codice in materia di protezione dei dati personali – (di seguito "Codice") e dell'Art. 13 del Regolamento UE 2016/679 ("Regolamento") desideriamo informarLa che i Suoi dati personali, liberamente conferiti, mediante la compilazione del presente form saranno utilizzati per l'invio della nostra mailing periodica.
Il conferimento si rende necessario per l'iscrizione richiesta. Il mancato conferimento dei dati comporterà l'impossibilità di aderire al servizio.

Finalità del trattamento dei dati trattati

I dati personali forniti volontariamente dagli utenti saranno trattati esclusivamente per l'invio di mail contenenti offerte commerciali e, con separato consenso da esprimersi nelle pagine dedicate contestualmente a richiesta di offerte e preventivi, per l'analisi delle Sue scelte di consumo al fine di poterLa servire al meglio.

Chi tratterà i Suoi dati

Potranno venire a conoscenza di tali dati i soggetti autorizzati al trattamento di HELLO VACANZE S.r.l., preposti alla gestione del servizio newsletter, e di SVILUPPO TURISMO ITALIA S.r.l. unipersonale.
I Suoi dati saranno trattati con modalità manuali, informatiche e/o telematiche e non saranno né comunicati né diffusi ulteriormente a quanto specificato nella presente informativa.
Specifiche misure di sicurezza sono comunque sempre osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
La informiamo che per l'invio della newsletter viene utilizzata la piattaforma informatica MailUp di proprietà di MailUp S.p.A., con sede legale in Viale Francesco Restelli 1 - 20124 Milano (MI), Codice Fiscale e Partita IVA 01279550196 (o outsourcer).
Sui server direttamente gestiti dall'outsourcer verrà memorizzato il Suo indirizzo email. MailUp tutela gli invii effettuati per tramite della Sua piattaforma con una policy disponibile al link: https://www.mailup.it/risorse-mailup/strategia/privacy-email-marketing/.

Qual è la base giuridica del trattamento dei suoi dati?

I dati che ci fornisce per l'iscrizione alla newsletter vengono trattati in base al Suo consenso.

Come vengono trattati i suoi dati e per quanto tempo?

I dati personali sono trattati per l'invio delle comunicazioni a mezzo mail con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti.
I dati trattati per le finalità commerciali di cui alla presente informativa, saranno conservati fino all'eventuale revoca del Suo consenso al trattamento dei dati personali e comunque per non oltre due anni.
I dati trattati per le finalità di profilazione di cui alla presente informativa, saranno conservati fino all'eventuale revoca del Suo consenso al trattamento dei dati personali e comunque per non oltre un anno.
In qualsiasi momento dall'adesione al servizio, Lei potrà interrompere gli invii delle stesse utilizzando l'apposita funzionalità, presente in ogni comunicazione e-mail.
Da quel momento in poi, non riceverà tale tipologia di comunicazioni a meno che non si proceda volontariamente ad una nuova iscrizione.
Al momento della revoca del consenso, anche se espresso precedentemente alla scadenza del termine di conservazione dei dati raccolti per tali finalità, gli stessi saranno automaticamente cancellati ovvero resi anonimi in modo permanente e la nostra Società potrà chiederLe di rinnovare, anticipatamente a tale revoca, il consenso al trattamento.

Come potrà esercitare i suoi diritti?

Potrà rivolgersi per e-mail agli indirizzi email privacy o email privacy, per verificare i Suoi dati e farli integrare, aggiornare o rettificare e/o per esercitare gli altri diritti previsti dall'art. 7 del Codice e quelli previsti dagli artt. da 15 a 22 del Regolamento.
In qualsiasi momento dall'adesione al servizio, Lei potrà interrompere gli invii delle stesse utilizzando l'apposita funzionalità, presente in ogni comunicazione e-mail.
Da quel momento in poi, non riceverà tale tipologia di comunicazioni a meno che non si proceda volontariamente ad una nuova iscrizione.
Per ogni ulteriore informazione in merito al trattamento dei Suoi dati la invitiamo a consultare l'informativa completa presente nel nostro sito.