• Via A. Costa 2, Porto San Giorgio (FM)
 

Urbania e la chiesa del mistero

Urbania e la chiesa del mistero

La chiesa dei morti e il cimitero delle mummie: una storia tutta da scoprire

Nell’entroterra marchigiano, su una collina attraversata dal fiume Metauro, si trova un piccolo paesino ricco di mistero un tempo conosciuto col nome di Casteldurante e poi ribattezzato Urbania, in onore di Papa Urbano VIII. Nella cittadina sono presenti e visitabili diversi monumenti di origine medievale e quattrocenteschi. La fama di questo luogo è prettamente legata al fatto che sin dall’antichità viene tramandata la tradizione della ceramica artigianale, celebrata ogni anno con una giornata dedicata ad essa, e attraverso l’esposizione sempre presente, e da non perdere, nel Museo Civico del Palazzo Ducale. Tuttavia, l’interesse verso questo luogo, che a prima vista potrebbe sembrare come qualunque altro borgo delle Marche, è particolarmente focalizzato su una chiesa il cui nome suscita già curiosità e soggezione di per sé: la Chiesa dei Morti. Quello che vi è costituito al suo interno è ancora più accattivante e circondato da un alone di mistero, parliamo del cimitero delle mummie. La chiesa originariamente si chiamava Cappella Cola ed è stata edificata nel 1380, mantenendo questo nome fino al 1836. L’accesso si effettua attraversando un portale, in stile gotico, di straordinaria bellezza e finemente decorato, mentre lo stile dell’edificio è romanico. Sul fondo della navata è collocato l’altare sovrastato dall’opera “Decollazione del Battista” dipinta da un artista metaurense; la parete sinistra invece è abbellita da un’opera di Giorgio Picchi, conosciuta come “Santa Lucia”. Se si presta particolare attenzione, sulle pareti si possono scorgere i resti di affreschi risalenti alla fine del 300. A questo punto si è arrivati nella parte opposta dell’ingresso, vicinissimo al muro che divide la chiesa dalla cappella e dove, risiedono le famose mummie di Urbania. La struttura cimiteriale risale al periodo in cui è stato emanato l’Editto napoleonico di Saint Cloud, 1804, secondo il quale andavano rimossi tutti i cadaveri sepolti sotto le chiese o nelle vicinanze e trasportati fuori dalle mura dei paesi. Proprio questa opera di riesumazione forzata ha permesso di rinvenire diversi corpi decisamente ben conservati.

Storie di vita vissuta i quel di Urbania

Tra i tanti fatti ancora da interpretare- non è un mistero che nel 1567 i Signori dell’epoca e più precisamente Cola di Cecco-, istituirono un servizio gratuito di trasporto di cadaveri ed assistenza dei moribondi, conosciuto come “Compagnia della Morte”. Gli eredi ottocenteschi di questa compagnia furono protagonisti nel 1833 dello spostamento dei corpi mummificati dal cimitero alla cappella Cola (l’attuale Chiesa dei Morti). I “becchini” dell’epoca si aspettavano di dover spostare soltanto delle ossa mentre, con grande stupore, si ritrovarono davanti decine di corpi mummificati. L’evento particolarmente raro quanto curioso si è verificato grazie alla presenza nel terreno di una muffa in grado di essiccare i cadaveri. Soltanto delle analisi approfondite da parte degli studiosi hanno risolto quello che per gli “operai” di allora si rivelò un grande mistero. Le mummie oggi sono esposte: 18 sono esposte in una serie di nicchie poste a semicerchio con teca di vetro e struttura in legno lavorato. Per le decorazioni sono state utilizzate anche delle ossa per costruire un lampadario (una decorazione dello stesso stile si può ritrovare nella cripta dei Cappuccini di Roma). Presenti anche numerosi teschi. Al centro dell’esposizione è collocata la mummia appartenente al priore Vincenzo Piccini, riconoscibile dagli abiti che indossa: una tunica bianca con cappuccio nero sulle spalle. Questo abbigliamento era una sorta di divisa dei confratelli della Compagnia della Buona Morte, indossata durante le cerimonie funebri. Il priore oltretutto occupa il ruolo centrale in quanto ideatore della necropoli. Al suo fianco sono collocati la moglie ed il figlio che però, sono stati mummificati artificialmente. Degli altri personaggi esposti, sono ben note le storie, raccontate durante la visita dal custode. Tra le tante, le più suggestive sono quelle della donna morta di parto cesareo, un giovane accoltellato durante una veglia danzante il cui cuore essiccato e trafitto dal pugnale è parte dell’esposizione, l’impiccato ed il malcapitato vittima di una sepoltura prematura dopo essere stato colto da morte apparente. Se quindi non siete facilmente impressionabili e volete passare un pomeriggio diverso “ascoltando” le storie che questi personaggi vissuti tra il 1600 ed il 1700 hanno da raccontarvi, non avete che da visitare Urbania e la sua Chiesa dei Morti. Il museo è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 18. Per info: 0722 313140 Per visite: 349 8195469 – Giovanni Maestrini (custode e guida)

Vuoi ricevere le nostre offerte?

Iscriviti alla Newsletter e resta aggiornato

Informativa per il servizio newsletter offerto da questo sito

I Titolari del trattamento dei dati forniti dall'interessato per l'iscrizione al servizio newsletter con contenuto commerciale, HELLO VACANZE S.r.l. con sede in Via Andrea Costa, 2 - 63822 Porto San Giorgio (FM) e SVILUPPO TURISMO ITALIA S.r.l. unipersonale con sede in Via Andrea Costa, 2 - 63822 Porto San Giorgio (FM) forniscono le seguenti informazioni circa il trattamento di tali dati.
Ai sensi dell'art 13 del D.Lgs. 30 giugno 2003, n.196 – Codice in materia di protezione dei dati personali – (di seguito "Codice") e dell'Art. 13 del Regolamento UE 2016/679 ("Regolamento") desideriamo informarLa che i Suoi dati personali, liberamente conferiti, mediante la compilazione del presente form saranno utilizzati per l'invio della nostra mailing periodica.
Il conferimento si rende necessario per l'iscrizione richiesta. Il mancato conferimento dei dati comporterà l'impossibilità di aderire al servizio.

Finalità del trattamento dei dati trattati

I dati personali forniti volontariamente dagli utenti saranno trattati esclusivamente per l'invio di mail contenenti offerte commerciali e, con separato consenso da esprimersi nelle pagine dedicate contestualmente a richiesta di offerte e preventivi, per l'analisi delle Sue scelte di consumo al fine di poterLa servire al meglio.

Chi tratterà i Suoi dati

Potranno venire a conoscenza di tali dati i soggetti autorizzati al trattamento di HELLO VACANZE S.r.l., preposti alla gestione del servizio newsletter, e di SVILUPPO TURISMO ITALIA S.r.l. unipersonale.
I Suoi dati saranno trattati con modalità manuali, informatiche e/o telematiche e non saranno né comunicati né diffusi ulteriormente a quanto specificato nella presente informativa.
Specifiche misure di sicurezza sono comunque sempre osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
La informiamo che per l'invio della newsletter viene utilizzata la piattaforma informatica MailUp di proprietà di MailUp S.p.A., con sede legale in Viale Francesco Restelli 1 - 20124 Milano (MI), Codice Fiscale e Partita IVA 01279550196 (o outsourcer).
Sui server direttamente gestiti dall'outsourcer verrà memorizzato il Suo indirizzo email. MailUp tutela gli invii effettuati per tramite della Sua piattaforma con una policy disponibile al link: https://www.mailup.it/risorse-mailup/strategia/privacy-email-marketing/.

Qual è la base giuridica del trattamento dei suoi dati?

I dati che ci fornisce per l'iscrizione alla newsletter vengono trattati in base al Suo consenso.

Come vengono trattati i suoi dati e per quanto tempo?

I dati personali sono trattati per l'invio delle comunicazioni a mezzo mail con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti.
I dati trattati per le finalità commerciali di cui alla presente informativa, saranno conservati fino all'eventuale revoca del Suo consenso al trattamento dei dati personali e comunque per non oltre due anni.
I dati trattati per le finalità di profilazione di cui alla presente informativa, saranno conservati fino all'eventuale revoca del Suo consenso al trattamento dei dati personali e comunque per non oltre un anno.
In qualsiasi momento dall'adesione al servizio, Lei potrà interrompere gli invii delle stesse utilizzando l'apposita funzionalità, presente in ogni comunicazione e-mail.
Da quel momento in poi, non riceverà tale tipologia di comunicazioni a meno che non si proceda volontariamente ad una nuova iscrizione.
Al momento della revoca del consenso, anche se espresso precedentemente alla scadenza del termine di conservazione dei dati raccolti per tali finalità, gli stessi saranno automaticamente cancellati ovvero resi anonimi in modo permanente e la nostra Società potrà chiederLe di rinnovare, anticipatamente a tale revoca, il consenso al trattamento.

Come potrà esercitare i suoi diritti?

Potrà rivolgersi per e-mail agli indirizzi email privacy o email privacy, per verificare i Suoi dati e farli integrare, aggiornare o rettificare e/o per esercitare gli altri diritti previsti dall'art. 7 del Codice e quelli previsti dagli artt. da 15 a 22 del Regolamento.
In qualsiasi momento dall'adesione al servizio, Lei potrà interrompere gli invii delle stesse utilizzando l'apposita funzionalità, presente in ogni comunicazione e-mail.
Da quel momento in poi, non riceverà tale tipologia di comunicazioni a meno che non si proceda volontariamente ad una nuova iscrizione.
Per ogni ulteriore informazione in merito al trattamento dei Suoi dati la invitiamo a consultare l'informativa completa presente nel nostro sito.